PORTOGALLO

DESCRIZIONE:

GIORNO 1 – 15/03
Partenza da Venezia alle 09.45 arrivo a Lisbona nel pomeriggio. Incontro con la guida accompagnatore all’aeroporto e sistemazione nel pullman GT riservato. Inizio della visita di Lisbona al Parco delle Nazioni, dove si ammireranno opere di grande valore architettonico contemporaneo come il ponte Vasco da Gama (il più lungo d’Europa), il Padiglione Atlântico (per eventi di grandi dimensioni) e la Gare do Oriente (proiettata dal rinomato architetto Santiago Calatrava). Tempo a disposizione per la visita libera all’Oceanário, acquario tra i più grandi al mondo che espone oltre 500 specie della biodiversità marina di quattro oceani. Al termine si procede per l’hotel. Sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.
GIORNO 2 – 16/03
Prima colazione in hotel. Giornata dedicata al completamento della visita della capitale portoghese. Nata da sette colline, sono quattro i quartieri che rappresentano le zone turistiche per eccellenza: Belém (monumentale), Alfama (più antico), Baixa (bassa) e Bairro Alto (alta). Inizio a Belém, dove si ammirerano il Palazzo Reale (oggi Presidenziale), il Padrão (monumento alle Scoperte), la Torre di Belém (Patrimonio Mondiale) e il Monastero di Jerónimos (Patrimonio Mondiale), voluto da Manuel I e legato strettamente all’epopea delle scoperte e alla Casa Reale Portoghese. Sosta presso l’Antiga
Confeitaria de Belém per assaggio del più noto dolce locale e continuazione per Alfama, dall’arabo Al-hamma (bagni, fontane), quartiere antico quanto Lisbona. Considerato eterno per la sopravvivenza miracolosa al grande terremoto del 1755, per molti è il vero cuore della città e raccoglie senza dubbio la storia moresca del paese, tra attrazioni storiche e locali di Fado. Salita a piedi alla Cattedrale (inconfondibile per le torri campanarie merlate e lo rosone in stile romanico) e visita alla Chiesa di Santo António, ove nacque il Santo. Discesa del quartiere lungo le strade, piazzette e viuzze ricche di intensi profumi mediterranei e case colorate ammassate una sull’altra e palazzi ricoperti da preziosi azulejos. Sosta a Piazza dos Restauradores per una passeggiata nella Baixa Pombalina (dal Marchese di Pombal, che ricostruì la città dopo il terremoto). L’eleganza del quartiere è sublime, dal boulevard Avenida Liberdade a piazza do Comércio, punto di partenza di tipici ferry. Possibilità di salire a Bairro Alto, conosciuto per i negozi e le tascas (osterie portoghesi a conduzione familiare). Discesa poi a Chiado, il cuore pulsante dei negozi fashion. Cafézinho opzionale al A Brasileira (che ricorda il scrittore Fernando Pessoa con la statua all’ingresso) e rientro in hotel. Cena e pernottamento in hotel.
GIORNO 3 – 17/03
Prima colazione in hotel. Al mattino si parte attraverso Estoril (raffinato centro cosmopolita) e Cascais (antico insediamento di pescatori ove visse in esilio dal 46 l’ultimo re d’Italia Umberto II) per Capo da Roca, il Promontorium Magnum dei romani, punto più occidentale del continente europeo. Tempo libero prima di continuare per Sintra, deliziosa cittadina che rappresenta la fusione perfetta tra bellezza naturale e la grandiosità di monumenti, il tutto esaltato da grande fascino. Residenza estiva dei reali portoghesi e sicuramente fra i più ricchi e bei villaggi del paese, Sintra è dal 1995 Patrimonio Mondiale e tra le sue meraviglie ricordiamo il Palazzo da Pena (prima metà del 1800) restituito alla bellezza dei colori originali, il Palazzo Monserrate e il Castello dei Mori. Degno di nota il Palazzo Nazionale da Villa. All’interno si distinguono le sale dei Cigni, Blasoni, Gazze e la Cappella. È possibile inoltre ripercorrere una breve storia dell’azulejo in Portogallo, dagli esemplari arabo-ispanici portati da Manuel I fino ai pannelli bianchi e azzurri tipici del sec XVIII. All’esterno assumono rilievo i comignoli conici della cucina, alti ben 33 metri, oggi simbolo della città. Proseguimento per Óbidos. Cena e pernottamento in hotel.
GIORNO 4 – 18/03
Prima colazione in hotel . In mattinata la visita di Óbidos. Visita di questo borgo medievale amato dai turisti, un affascinante paesino da cartolina circondato da un’imponente mura del sec XII (suggeriamo l’assaggio di una ginjinha). Partenza poi per Alcobaça. Qui ha sede una tra le più grandi chiese del paese: il Monastero di Santa Maria, edificio medioevale noto per la sobrietà delle sue linee. Visita all’abbazia fondata il 1153, legata all’arrivo dei cistercensi in Portogallo nel 1138 e alla nascita della nazione. Da vedere le tombe di Pedro I e della amante Inês de Castro, colei che fu incoronata regina dopo sua morte. Nel pomeriggio si riprende per Batalha, nota per il Monastero di Santa Maria Victória, bellissima abbazia domenicana eretta in onore alla vittoria di Joao I nella battaglia di Aljubarrota contro i castigliani. Al chiostro reale gli occhi gotici sono abbelliti da trafori manuelini che li rendono eleganti ed armonici (bellissimo il portale nel medesimo stile). Impareggiabili le Cappelle Imperfette, dal magico effetto di non finito. Arrivo poi a Fátima. Fu in questa pianura che Maria apparve ai tre pastorelli il 13 maggio del 1917. Lúcia, Jacinta e Francisco videro apparire su un leccio la figura splendente che ordinò loro di ritornare all’albero lo stesso giorno per sei mesi. Il 13 ottobre i pellegrini con loro erano 70.000. Sistemazione in hotel e visita alla Cappellina delle Apparizioni e al Santuario, luoghi di pellegrinaggio ove si vive intensamente la fede cattolica, annualmente visitati da oltre cinque milioni pellegrini. Cena e pernottamento in hotel.
Smile Travel San Donà Viaggi – 30027 San Donà di Piave (Ve) – Via XIII° Martiri, 72 P. Iva: 04342110279
Cell. +393927879380 Tel +39 0421 54986 – e-mail: sandona@smiletravelnetwork.com
GIORNO 5 – 19/03
Prima colazione in hotel. In mattinata si parte per Tomar, la città fondata nel 1157 da Gualdim Pais, primo Gran Maestro dell’Ordine dei Templari in Portogallo. Visita del centro storico, un fitto groviglio di stradine, dalla Rua Serpa Pinto (vivace per i negozi) all’antico quartiere ebraico. All’interno del castello (sec XII) che sovrasta la città si trova il Convento di Cristo, incontrastato simbolo del luogo con i sette chiostri, la nota finestra in stile Manuelino e la chiesa a forma circolare e di dimensioni tali che, secondo la leggenda templare, permetteva ai cavalieri di assistere alla messa direttamente a cavallo, così da essere pronti a partire all’istante il cui loro intervento in aiuto della causa cristiana fosse necessario. Si continua poi per Nazaré, il più colorito villaggio di pescatori del paese. Discesa al centro piscatorio e tempo libero per una passeggiata lungo la spiaggia. Rientro in hotel a Fátima e cena. In serata, possibilità di assistere alla suggestiva fiaccolata (rientro libero in hotel). Cena e pernottamento in hotel.
GIORNO 6 – 20/03 Prima colazione in hotel. Mattino dedicato a Coimbra, città nota per le sue otto facoltà: lettere, psicologia, scienze e tecnologia, legge, medicina, economia, educazione fisica e farmacia. Inizio alla collina con l’Università, che ospita il Palazzo Reale, la Biblioteca Joanina (tra le più belle biblioteche al mondo, in stile barocco con soffitti e pareti affrescate e arredata con splendidi mobili intarsiati) e la Sala dei Capelos (per le tesi). Dal complesso universitario nascono stradine e vicoli che costituiscono il cuore della città alta e portanno alla città bassa, accanto al ponte di Santa Clara, dove si svolge soprattutto l’attività cittadina. Sosta davanti al Monastero di Santa Cruz, dove il canonico agostiniano Fernando de Bulhoes da Lisbona diviene Antonio (che oggi veneriamo come S. Antonio di Padova). Si procede nel pomeriggio per Porto, una città di un fascino insolito, di scorci storici, sofisticati negozi, facciate con brillanti piastrelle e panni appesi ad asciugare, di vivaci chiacchiere che riempiono strade. Sistemazione in hotel e inizio visita della città con una passeggiata in Rua Santa Catarina, via pedonale di concentrazione dei negozzi tradizionali come il mitico Café Majestic e drogherie fine come la Casa Cinese, la Casa Transmontana e la Pérola do Bolhoo. Cena e pernottamento in hotel.
GIORNO 7 – 21/03
Prima colazione in hotel. Mattino dedicato al centro storico di Porto, ove la parte moderna vive in perfetta simbiosi con l’antica, Patrimonio dell’Umanità dal 1996. Inizio a Ribeira (dove la gente si dedica al commercio fluviale) per raggiungere la Chiesa di S. Francisco. Sorprendente l’interno settecentesco (per l’altare, colonne, pilastri, cherubini, ghirlande, animali delle decorazioni e l’albero di Jesse de Sao furono usati oltre 200kg d’oro). Visita esterna al Palazzo della Borsa. Ove un tempo sorgeva il convento francescano i mercanti costruirono la Borsa, con il Tribunale del Commercio (qui fu redatto il diritto mercantile di Porto) e la Sala Árabe (salone con arabeschi blu e oro ispirati all’Allambra di Granada). Arrivo in Avenida dos Aliados, ampio viale ottocentesco sul quale si affacciano caffè tradizionali, antiche cartolerie, librerie e negozi. Si procede per la Cattedrale (stupendo il rosone del sec XIII sul fronte ovest) e poi per la Torre di Clérigos (simbolo della città), opera in pietra alta 75,60 metri dall’architetto Niccolò Nasoni. Nel pomeriggio si parte per Braga, la Bracara Augusta di Giulio Cesare, denominata Roma portoghese per la ricchezza delle sue chiese. Visita al centro storico: la piazza da República, la Torre di Menagem (rimasta delle antiche fortificazioni del sec XIV), la splendida Cattedrale, l’ex Palazzo Episcopale e gli immacolati giardini di Santa Bárbara. Salita quindi al Monte do Bom Jesus (Patrimonio Mondiale), luogo noto per il Santuario (sec XVIII), la monumentale scalinata e la secolare funicolare idraulica. Rientro serale in hotel a Porto. Cena e pernottamento in hotel.
GIORNO 8 – 22/03 Prima colazione in hotel. Mattino libero per visite di carattere individuale, ritiro bagagli in Hotel e si parte per l’aeroporto di Porto. Assistenza nelle operazioni di imbarco (fine servizi guida accompagnatore). Partenza per l’Italia. Arrivo all’Aeroporto di Venezia e fine dei servizi.